L’ARROTINO

” Arrotino, arrotino donne.” Con questo richiamo, o qualcosa di simile, che risuonava nelle viuzze dei piccoli borghi di campagna, l’arrotino si annunciava creando un po di scompiglio nelle case ed un accorrere frettoloso di donne attorno alla sua bicicletta. Lui scendeva con calma, con gesti misurati e sicuri metteva in funzione i suoi attrezzi, e tra una facezia, una battuta e un frizzo, cominciava ad arrotare forbici di tutte le grandezze e coltelli di tutti i tipi. Il suo era un mestiere ambulante, spesso tramandato di padre in figlio. Talvolta era un secondo lavoro esercitato nei mesi invernali, per integrare lo scarso bilancio familiare. Quasi sempre veniva da zone tra le piu’ povere e disagiate. In tempi meno vicini a noi giungeva a dorso di mulo trascinando il suo carretto con la mola e tutti gli arnesi del mestiere. In tempi piu’ recenti arrivava in bicicletta, o meglio su una specie di biciclo carretta, un ibrido, che associava alla bicicletta per spostarsi, la mola per arrotare. Quando si fermava rovesciava il carretto dotato di una grossa ruota di legno cerchiata in ferro, agganciava qualche cinghia che metteva in moto la ruota, versava un po d’acqua in un secchiello che sgocciolava sopra la mola e cominciava ad affilare le lame, girando la mola a forza di gambe. Con lo scorrere dei tempi, la bicicletta è divenuta un motorino e questo furgone piu’ o meno arrugginito. Di solito mangiava all’asciutto con qualcosa portato da casa. Raramente accettava un piatto caldo. Quando si faceva sera, cercava un posto per dormire, gli bastava un fienile, o una stalla. La mattina si alzava all’alba, si lavava alla fonte pubblica o al ruscello e partiva senza disturbare. Se gli era ancora rimasto del lavoro da fare, si rimetteva alla mola, completava il lavoro, riscuoteva quanto gli era dovuto riponendolo in una cassetta, salutava e via, verso il nulla, da dove era venuto. Rimaneva solo l’eco della sua voce: ” Arrotino, arrotino donne. Donne belle arrotino.”

Risultati immagini per immagini arrotino

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...