IL RAMAIO

Un’altra figura pressochè scomparsa è quella del ramaio, o calderaio, un autentico artista che da un semplice foglio di rame sapeva tirar fuori pentolame di ogni grandezza e varieta’ e tanti altri oggetti di ogni tipo. Per farli si serviva del rame. La parola rame deriva dal latino popolare aramen, a sua volta desunto dal tardo latino aeramen che si ricollega al classico aes. Il rame si acquistava in fogli, si aggiustava tagliandolo con grosse cesoie e si batteva a caldo con il martello, aiutandosi con forme di vario tipo, a seconda del lavoro che si intendeva realizzare. Man mano che il lavoro procedeva si saldavano i bordi tra di loro. Il lavoro era faticoso, perchè bisognava battere il rame finchè era ancora caldo, non si poteva far freddare, ed anche perchè si usavano spesso martelli grossi e pesanti. La bravura dell’artigiano si vedeva dallo spessore del manufatto, che doveva essere uniforme, dalla forma ben aggraziata e dalla precisione delle rifiniture. Una volta queste pentole rappresentavano un bene di lusso che non tutti potevano permettersi: qualche secolo fa i metalli erano cari perchè di difficile estrazione e lavorazione. La gente semplice utilizzava altri materiali come il legno e la  creta. Le pentole di rame erano preziose e spesso rappresentavano parte della dote di una sposa. Talvolta erano esposte e facevano bella mostra in cucina, sulla cappa del camino o su qualche parete della casa, quasi a rappresentare uno status symbol delle aristocrazie di una volta. Una parola per il paiolo: antico, ampio recipiente della tradizione contadina, che la consuetudine voleva di rame, non stagnato, con un fondo concavo a restringersi, adatto soprattutto per la preparazione della polenta. e chi non ricorda quella massa gialla, profumata, che dal paiolo rovesciato scorreva fumante sulla tavola di legno. A quei tempi la vita aveva un altro profumo. Ed anche un altro sapore.

Risultati immagini per immagine il ramaio

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...