VICKY CRISTINA BARCELONA

Era da tempo che Woody Allen non riceveva tanti consensi, soprattutto nel nostro paese, dove Vicky Cristina Barcelona è stato apprezzato, oltre che dagli affezionati al regista, dal grande pubblico in maniera trasversale, cosa ben poco scontata quando si parla di questo artista statunitense. Il tema è naturalmente l’amore, caro ad Allen e agli spettatori, e l’universo femminile con le sue problematiche contraddittorie e a volte eccentriche, quando si tratta di rapportarsi a un umo. Per raccontarlo ha scelto delle donne di straordinario talento a partire dalla meno nota Rebecca Hall, protagonista di tutto rispetto al pari di quella che ormai viene definita una delle sue muse: Scarlett Johansson, non tanto perchè quest’ultima lo ispiri nello scrivere i suoi soggetti, ma per la frequenza con la quale viene scelta come protagonista dei suoi racconti cinematografici. L’ultima musa, che potremo definire prestata as Allen da Almodovar, è invece la caliente Penelope Cruz, attrice non protagonista, la quale erompe con la sua carica passionale ed emotiva che straripa come un fiume in piena quando inveisce nella sua lingua madre, interpretando la parte dell’eccentrica artista sopra le righe. Infine c’è lui, Javier Bardem, attore di indiscutibile talento che non sfigura accanto alle colleghe. Proprio in occasione delle riprese del film Penelope e Javier, che si conoscevano dal 1992, hanno cominciato a frequentarsi per poi convolare a nozze nell’estate del 2010 e avere un figlio, Leonard. Tutto ha inizio quando Vicky, Rebecca Hall e Cristina, Scarlett Johansson, 2 giovani turiste americane, arrivano a Barcellona per trascorrere l’estate, Vicky si sta per sposare con un ragazzo della buona borghesia che le da sicurezza e in Spagna deve fare una ricerca sulla cultura catalana di cui è profondamente innamorata. Cristina è piu’ fantasiosa, meno legata agli schemi, ha appena finito di girare un cortometraggio ed è in cerca della sua strada nel mondo professionale e nella vita sentimentale. le 2 amiche conoscono un affascinante pittore di successo, Juan Antonio, Javier Bardem, che propone loro un romantico weekend a Oviedo, senza nascondere l’intenzione di avere una relazione con entrambe. Cristina convince Vicky, molto riluttante, ad acocmpagnarla ma alla fine della prima serata si sente male e rimane a letto per l’intero soggiorno. Juan Antonio e Vicky visitano da soli la citta’ e alla fine la ragazza cambia idea su di lui e finisce per cedere alle sue lusinghe, senza dire niente all’amica. Rientrati a Barcellona, il pittore si concentra su Cristina, sapendo che Vicky, tanto diversa da lui, ha tutte le intenzioni di sposarsi. Cosi’ finisce per affezionarsi a Cristina e stringere una relazione con lei che si trasferisce a casa sua. Ma una notte arriva la sua ex moglie Maria Elena, Penelope Cruz, una pittrice di cui l’uomo non aveva mai nascosto l’importanza nella sua vita, reduce da un tentativo di suicidio, e sono costretti ad ospitarla. La convivenza coatta passa dall’isterismo iniziale a un equilibrato connubio amoroso a 3. Tutto sembra funzionare fino a quando la ragazza realizza che quella situazione non fa per lei e decide di andarsene, facendo crollare anche il rapporto tra i 2 pittori, ai quali era sempre mancato qualcosa per rendere solida la loro esasperata relazione. Intanto Vicky è in profonda crisi: non riesce a togliersi dalla testa Juan Antonio, ma nel frattempo si è sposata, come aveva programmato, con il suo uomo che le appare prevedibile e moralista rispetto alle eccentriche relazioni che la circondano. Quando Cristina lascia la casa del pittore mettendo fine alla relazione, l’amica le confida della notte passata ad Oviedo e della sua infatuazione. I dubbi se dare seguito o meno ai suoi sentimenti la tormentano fino a quando non si lascia convincere a inventare una scusa per rispondere a un invito del pittore incontrato, non proprio per caso, durante una festa. Sul piu’ bello Maria Elena, fuori di sè, irrompe con una pistola in pugno nella casa dove si trovano Juan Antonio e Vicky. I puristi della filmografia del regista newyorkese hanno accolto con qualche riserva Vicky Cristina Barcelona rimproverando alla sceneggiatura di essere piu’ leggera di come si aspettavano, abituati a vedere sviscerate fino in fondo le problematiche amorose. In questo caso non si arriva a una soluzione definitiva, forse perchè è uno di quei canovacci in cui non è lui stesso il protagonista o forse intenzionalmente, in modo da concentrare l’attenzione su azioni e reazioni delle donne implicate nella vicenda. Nonostante questo, il film è stato un successo. Basti pensare che è stata una delle pellicole del regista americano che ha incassato di piu’ al botteghino. Presentato fuori concorso nel 2008 al Festival del Cinema di Cannes, Vicky Cristina Barcelona si è aggiudicato l’oscar nel 2009 nella categoria di migliore attrice non protagonista grazie all’interpretazione di Penelope Cruz e il Golden Globe come miglior commedia, oltre a una lunga serie di altri riconoscimenti tra i quali quello dell’Indipendent Spirit Awards del 2009 per la migliore sceneggiatura e attrice non protagonista.

Risultati immagini per immagine vicky cristina barcelona

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...