CROSTATA DI FRAGOLE

PER L’IMPASTO:

  • 175 gr di farina bianca
  • 75 gr di frumina
  • 100 gr di zucchero
  • 1 busta di vanillina
  • 1 pizzico di sale
  • scorza di limone grattugiata
  • 1 uovo
  • 100 gr di burro
  • 1\2 busta di lievito per microonde

PER FARCIRE E DECORARE:

  • 2 buste di preparato per crema pasticcera
  • 500 ml di latte
  • 1 Kg di fragole
  • 2 buste di torta gel al gusto di fragola
  • 7\8 cucchiai rasi di zucchero
  • 500 ml di acqua

Mescolare la farina setacciata con frumina, zucchero, vanillina, sale, scorza di limone, uovo, burro a pezzettini e, per ultimo, il lievito setacciato. Impastare rapidamente il tutto fino ad ottenere un impasto liscio. Dividere l’impasto in 2 parti uguali. Stendere con un matterello i 2\3 di una parte, formando un disco, trasferirlo sul fondo di uno stampo in pyrex con fondo e bordo foderati con carta forno e bucherellare la superficie. Con il terzo di pasta rimanente formare un bordo alto circa 2 cm. Cuocere in microonde a 600\650 Watt con grill per circa 5 minuti. Togliere dal forno e lasciare raffreddare. Procedere nello stesso modo con l’altra metà dell’impasto. Preparare la crema pasticcera con il latte come indicato sulla confezione e distribuirla sui fondi di torta raffreddati. Lavare, mondare, tagliare la frutta e distribuirla sulla crema. Preparare il tortagel con zucchero e acqua come indicato sulla confezione e con un cucchiaino distribuirlo sulle torte. E’ possibile conservare in frigo, per alcuni giorni, metà di impasto avvolta con pellicola trasparente.

Risultati immagini per immagine crostata alle fragole

Annunci

PASTA FILLO

E’ una varietà di pasta sfoglia ma molto più sottile; si usa per friggere o cuocere in forno. Molto usata in Medio Oriente per i dolci, come i famosi baklava, si usa anche per preparazioni salate. In commercio lo si trova già pronta, prevalentemente surgelata. La pasta per choux, invece, in francese choux significa cavoli, è una preparazione molto diffusa in gastronomia e pasticceria, usata soprattutto per la produzione di bignè. Gli ingredienti principalmente usati sono acqua, burro, uova e farina. Tale pasta ha un sapore neutro che si presta a svariate farciture.

Risultati immagini per immagine pasta fillo

FOCACCIA ALLE PATATE

PER L’IMPASTO:

  • 500 gr di farina bianca
  • 1 busta di lievito di birra
  • 10 gr di zucchero equivalente a 2 cucchiaini
  • 1 cucchiaino colmo di sale
  • 4 cucchiai di olio di oliva
  • 325\350 ml di acqua tiepida

PER FARCIRE:

  • 325 gr di patate lesse fredde
  • 3 rametti di rosmarino
  • 5 cucchiai di olio di oliva

Setacciare la farina in una terrina larga e mescolarvi il lievito di birra. Al centro del mucchio praticare una buca e versarvi zucchero, sale e olio. Amalgamare il tutto con una forchetta, aggiungendo un po per volta l’acqua tiepida. Lavorare l’impasto sul piano del tavolo infarinato per almeno 10 minuti, allargandolo con i pugni chiusi, riavvolgendolo e sbattendolo sul tavolo, fino al completo assorbimento del liquido. Rimettere l’impasto nella terrina infarinata, coprirlo con un canovaccio umido e porlo a lievitare in luogo tiepido, fino a quando il suo volume sarà raddoppiato, 40 minuti circa. Tagliare a rondelle le patate lesse. Con un matterello stendere l’impasto in una sfoglia rettangolare, trasferirlo sulla lastra del forno unta con 2 cucchiai di olio, bucherellarla con i rebbi di una forchetta e distribuirvi sopra le patate e il rosmarino. Porre a lievitare in un luogo tiepido per 20 minuti, quindi completare con 3 cucchiai di olio e sale a piacere. Cuocere per 18\20 minuti circa nella parte media del forno preriscaldato. elettrico: 200°/210°; ventilato: 190°/200°; a gas: 210°/220°.

Risultati immagini per immagine focaccia alle patate

 

FOCACCIA ALLO ZAFFERANO

PER L’IMPASTO:

  • 500 gr di farina bianca 00
  • 1 bustina di lievito di birra
  • 10 gr di zucchero equivalenti  a 2 cucchiaini
  • 2 cucchiai di olio di oliva
  • 1 bustina di zafferano
  • 325\350 ml di acqua tiepida
  • 1 cucchiaino colmo di sale

PER LA FARCITURA:

  • 1 – 2 zucchine tagliate a rondelle sottili
  • 150 gr di caprino fresco
  • 3 cucchiai di olio di oliva

Setacciare la farina in una terrina larga e mescolarvi il lievito di birra. Al centro del mucchio praticare una buca e versarvi zucchero e olio. Sciogliere lo zafferano nell’acqua tiepida. Amalgamare il tutto con una forchetta aggiungendo poco per volta l’acqua tiepida e il sale. Lavorare l’impasto sul piano del tavolo infarinato per almeno 10 minuti, allargandolo con i pugni chiusi, riavvolgendolo e sbattendolo sul tavolo, fino al completo assorbimento del liquido. Rimetterlo nella terrina infarinata, coprirlo con un canovaccio umido e porlo a lievitare in luogo tiepido, fino a quando il suo volume sarà raddoppiato, 40 minuti circa. Con un matterello stendere l’impasto in una sfoglia rettangolare e trasferirla sulla lastra da forno unta con un cucchiaio di olio. farcire le zucchine leggermente sovrapposte tra loro e il caprino a ciuffi. Porre a lievitare in luogo tiepido per 20 minuti, quindi completare con 2 cucchiai di olio e sale a piacere. Cuocere per 15\20 minuti circa nella parte media del forno preriscaldato: elettrico: 210°/220; ventilato: 200°; a gas: 210°/220°.

Risultati immagini per immagine focaccia allo zafferano

OSSOBUCO

Si ricava dal geretto, un taglio che corrisponde all’ultimo muscolo della gamba bovina prima del piede. Può essere sia anteriore, molto ricco di tessuto connettivo, sia posteriore, più pregiato perchè più tenero, di forma rotonda e con più midollo. L’ossobuco infatti, come dice il nome, comprende anche un osso centrale con il suo midollo che, sciogliendosi in cottura, regala sapore al piatto. Si tratta infatti di una sostanza grassa, da non confondere con il midollo spinale, a lungo proibita a causa dell’epidemia di mucca pazza. Gli ossobuchi migliori e più diffusi sono di vitello e di manzo, ma si trovano anche di tacchino, molto meno gustosi. La ricetta più famosa è quella alla milanese. Gli ossobuchi si preparano anche in umido con piselli o funghi, spesso accompagnati dalla polenta.

Risultati immagini per immagine ossobuco

WHOOPIES AI MARSHMALLOW

PER L’IMPASTO:

  • 2 uova
  • 175 gr di zucchero
  • 1 bustina di vanillina
  • 200 gr di farina
  • 50 gr di cacao
  • 1 pizzico di sale
  • 1 Bustina di lievito
  • 180 ml panna acida
  • 100 gr di cioccolato fondente

PER FARCIRE E DECORARE:

  • 100 gr di marshmallow
  • 150 ml latte freddo
  • 50 gr dolceneve
  • 50 gr di zucchero a velo vanigliato
  • 1254 gr glassa al cacao
  • fantasie di zucchero
  • decorazioni al cioccolato
  • perline morbide
  • confetti al cioccolato
  • zuccheri glitterati

Sbattere in una terrina le uova aggiungendo zucchero, vanillina e sale. Lavorare fino ad ottenere un composto spumoso. Aggiungere la farina setacciata con il cacao e il lievito setacciato e incorporare delicatamente. Aggiungere gradatamente la panna acida fino ad ottenere un composto abbastanza consistente, infine aggiungere il cioccolato fondente fuso. Con l’aiuto di una tasca da pasticcere con bocchetta liscia, formare con metà dell’impasto 20 cerchietti, non troppo vicini, su una lastra foderata con carta forno. Cuocere nella parte media del forno preriscaldato: elettrico: 175°; ventilato: 165°; a gas nella parte alta: 190°, per 9\10 minuti. Ripetere l’operazione con l’impasto restante. Lasciar raffreddare i dolcetti su una gratella. Per la crema, sciogliere i marshmallow in un pentolino a fuoco basso con 50 ml di latte. Versare la crema in una terrina e porre in frigo per 20\30 minuti. Preparare la dolceneve con la crema di marshmallow raffreddata, lo zucchero a velo e il restante latte freddo di frigo. Con l’aiuto di una tasca da pasticcere distribuire la crema sul lato inferiore delle tortine e coprire con l’altro. Lasciare raffreddare in frigo 30 minuti prima di decorare. Sciogliere la glassa al cacao, porla in una terrina larga e intingere la parte superiore di ogni dolcetto. Con la glassa ancora calda decorare con le fantasie di zucchero, le decorazioni al cioccolato, le perline morbide, i confetti al cioccolato e gli zuccheri glitterati.

Risultati immagini per immagine whoopies ai marshmallow

 

 

SCHIACCIATA DI POLENTA AL FORMAGGIO

  • 300 gr di polenta pronta in panetto
  • 160 gr di stracchino
  • 6 pomodori secchi sott’olio
  • 30 gr di olive nere al forno snocciolate
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • olio evo
  • pepe

Prepara il trito. Lascia lo stracchino a temperatura ambiente per 1 ora affinchè sia abbastanza morbido da poterlo spalmare. Trita grossolanamente le olive con i pomodori secchi ben sgocciolati dall’olio. Trasferisci tutto nella ciotola, aggiungi una manciata di foglie di prezzemolo e mescola. Fai la schiacciata. Scalda 3 cucchiai di olio nella padella. Affetta sottilmente la polenta, trasferiscila nel recipiente e schiacciala con il dorso del cucchiaio per ottenere una sorta di sfoglia compatta e di spessore omogeneo. Lascia rosolare a fuoco vivace, girala con il coperchio come fosse una frittata e falla rosolare brevemente sull’altro lato; falla scivolare su un piatto e profumala con una generosa macinata di pepe. Completa e servi. Distribuisci sulla schiacciata di polenta lo stracchino, spalmalo con la spatola, cospargilo con il trito di pomodorini, olive e prezzemolo preparato e servi subito.

Risultati immagini per immagine polenta