SGOMBRO

Ampiamente presente sulle coste italiane durante la stagione temperata, può appartenere a 2 specie: comune, fino a 50 cm di lunghezza, o lanzardo, fino a 25 cm. In ambo i casi, è un alimento dalle mille qualità. Dal punto di vista dietologico, è ricchissimo di acidi grassi Omega 3, proteine nobili, vitamine, D e del gruppo B, e sali minerali, fosforo e potassio. Non può essere allevato e, grazie alla pezzatura media, non fa in tempo ad accumulare piombo e sostanze nocive come spesso accade ai pesci azzurri di taglia grande a lungo accrescimento, tonno, spada. Ha gusto intenso e polpa piuttosto grassa, comunque apporta solo 163 calorie per etto: la cottura ideale, per renderlo più digeribile e per arrotondare il sapore, è alla griglia o sulla piastra con aromi e fettine di agrumi, ma si rivela anche ottimo al forno, al cartoccio, al vapore, in carpione e fritto, in questo caso va sicuramente sfilettato, altrimenti rischia di non cuocere al cuore.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...