LE CANARIE

L’arcipelago delle Canarie, composto di 7 isole e alcuni isolotti minori, si trova nell’Oceano Atlantico, a circa 100 KM a nord ovest della costa del Marocco meridionale. Amministrativamente le Canarie dipendono dalla Spagna, di cui costituiscono le province metropolitane di Las Palmas e di Santa Cruz de Tenerife. Le isole, di origine vulcanica, sono suddivise in gruppo occidentale, che comprende La Palma, Hierro, Gomera, Tenerife e Gran Canaria, e gruppo orientale, che comprende Fuerteventura e Lanzarote. Le spiagge delle Canarie attirano turisti e visitatori 12 mesi all’anno. Il clima subtropicale consente una favolosa vacanza anche nei mesi dell’inverno, accompagnata dal sottile piacere di vivere in un’atmosfera fatta di mare e di sole, avendo lasciato nella propria città il freddo e la neve dell’inverno. Ma non basta dire Canarie per esprimere l’idea dell’estate eterna: tra le varie isole esistono tante differenze che le rendono in grado di accontentare le esigenze più diverse dei turisti. Tenerife e Gran Canaria saranno le isole predilette da coloro che non sanno concepire la vacanza senza la necessaria cornice di divertimento e di mondanità. Gomera, Hierro e La Palma saranno le isole per coloro che amano la pace e la tranquillità. Fuerteventura, con le sue onde lunghe, verrà prediletta dai surfisti, mentre la selvaggia Lanzarote costituirà la meta ideale per gli appassionati di pesca subacquea. L’isola più suggestiva, dal punto di vista del turista interessato alle novità, è Lanzarote, definita l’isola lunare da quando l’eruzione di un vulcano, avvenuta nel 700, ne coprì buona parte della superficie con bizzarre stratificazioni laviche. A Lanzarote si potranno compiere, a dorso di cammello, avvincenti escursioni nelle zone desertiche e l’ascesa al vulcano Timanfaya, la Montagna di fuoco; che sorge sopra una pianura lavica istoriata da centinaia di piccoli crateri, alcuni dei quali tuttora attivi. Le coste, dove la lava si è incontrata con le onde del mare, sono ricche di strane grotte naturali, una delle quali, denominata Los Jameos del Agua è stata trasformata in auditorium. Da Lanzarote si potranno inoltre compiere escursioni ad Arecife, il capoluogo dell’isola, con il castello di San Gabriele, la fortezza di San Josè e la piazza del mercato; e a Teguise, l’antica capitale, con il castello di Santa Barbara. Di fronte alla costa settentrionale dell’isola sorge La Graciosa, base ideale per la pesca di alto mare. A La Graciosa il turista troverà un’accoglienza genuina nelle varie case dei pescatori. A Gran Canaria si impone una visita a Las Palmas, la capitale, dove si potranno visitare la Plaza Catalina, l’antico quartiere Vequeta e la Playa de Las Canteras. Altre tappe d’obbligo saranno Telde, con la chiesa di San Juan Bautista, in pietra vulcanica dai colori vivi, e i pittoreschi villaggi Ingenio e Agumes, che conservano vestigia dell’antica dominazione araba. A Gran Canaria, nel complesso turistico Costa Canaria, si trova il villaggio di Maspalomas, nato in tempi remoti come paese di pescatori e ora centro balneare di importanza mondiale. Un’immensa spiaggia di dune, che ricorda in non lontano Sahara, crea nella fantasia del visitatore antiche suggestioni dense di fascino esotico. Costa Canaria comprende anche i villaggi turistici di San Augustin e Playa del Ingles: le attrezzature sono imponenti e consentono ai turisti di costruirsi una vacanza su misura. Qualche notizia storica: fu dopo il 1492, anno della scoperta dell’America, che le Canarie, note fin dall’antica era romana, acquistarono notevole importanza come ultimo scalo prima della traversata dell’oceano. Va ricordato che l’isola di Hierro, la più piccola delle Canarie, nell’antichità era considerata il punto in cui la Terra finiva: il 1634 il meridiano che separava l’emisfero orientale da quello occidentale venne fatto passare attraverso la piccola isola e definito meridiano zero: soltanto nel 1884 esso venne sostituito da quello di Greenwich, oggi in vigore. Divenute spagnole in seguito al trattato stipulato con il Portogallo nel 1479, le Canarie dovettero respingere, nei secoli successivi, numerosi attacchi da francesi, inglesi, olandesi e arabi. La Spagna vi mantenne ininterrottamente il proprio dominio, concedendo alle isole, nel 1978, una maggiore autonomia. Una vacanza alle Canarie è anche, e soprattutto, una festa gastronomica. Grandi piatti tipici, come la sopa di riso e la sopa verde, il gazpacho, minestra fredda a base di pomodoro, e la zarzuela, ricchissimo piatto di pesce a base di crostacei, merluzzo, patate e cipolle delizieranno il buongustaio. Gli appassionati di shopping troveranno i tessuti ricamati a mano di Tenerife, le terracotte di Artemara, i manufatti in pelle di coccodrillo e caratteristici oggetti di vimini, foglie di paglia e di mais. Una vacanza alle Canarie, volo compreso, potrà costare da meno di 1500 euro, per un soggiorno di 8 giorni, a quasi 3000 euro per 22 giorni. Costeranno di più, come dappertutto, le vacanze nel periodo delle feste natalizie. Anche nel corso di una permanenza di soli 8 giorni sarà possibile organizzare visite a tutte le isole, compiendo un tour da favola, che abbinerà il clima più favorevole alla visita di luoghi oltremodo incantevoli.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...