E’ ARRIVATO IL TEMPO DELLE ZUPPE

Quando il clima si fa rigido e la sera scende sempre troppo presto, avvolgendo il mondo in una densa coltre di nebbia umida, significa che è arrivato il momento di portare in tavola una scodella fumante di minestra. Il segreto per una riuscita perfetta è semplice: scegliere sempre ortaggi di stagione. Quindi, via libera a tutte le varietà di cavoli, ricchi di flavonoidi, utili per prevenire gli stadi antiinfiammatori. Senza dimenticare le verdure color arancio, come la zucca e le carote, che assicurano una presenza importante di carotenoidi, per la salute della pelle e della vista. E di quelle verdi, come spinaci, cicoria e bietola che assicurano la clorofilla, che protegge il sistema immunitario. Zuppe, vellutate, minestre ognuno ha i suoi gusti in fatto di consistenza, sapidità e piccantezza. Non solo: c’è chi ama le vellutate finissime e chi preferisce una zuppa rustica con qualche pezzetto di verdura. L’importante, quando cucinerete il vostro comfort food preferito, sarà avere a disposizione almeno 1.5 l di liquido caldo e profumate spezie da aggiungere, a vostro piacere. Pasta, riso, farro e quel che più ti piace. Con i cereali le minestre si arricchiscono di gusto e piacevolezza. E diventano ancora più nutrienti, ricche e confortanti. Un vero piacere per il palato. Dense, salutari e sapide le verdure invernali si prestano anche alle cotture prolungate. Cavoli, spinaci, bietole, patate e zucca sono le giuste alleate per confortarci nelle gelide serate d’autunno. Il mix di verdure, cereali e legumi è particolarmente felice, perchè assicura all’organismo le proteine più nobili. Anche se, qualche volta, il gusto dei gamberi, del manzo o del pollo, rende le preparazioni irresistibili. La minestra di verdure è un concentrato di fibre, a cui si aggiungono i liquidi. Il mix perfetto per regalare un senso di sazietà senza affaticare la digestione, ne esagerare con le calorie. Il brodo vegetale poi contrasta la ritenzione idrica, con un’azione detox. Purchè non si esageri con il sale o i dadi, da sostituire con spezie o erbe aromatiche.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...