COME SI PREPARANO LE CREPES COLORATE

La pastella base è uguale: 125 gr di farina, 3 uova, 2,5 dl di latte, 30 gr di burro fuso e un pizzico di sale, per 4 persone.  Ma vi basta aggiungere pochi altri ingredienti  per dare alle crepes tinte e aromatizzazioni particolari e gustarle così sempre diverse, dolci o salate. Per cuocerle, scaldate una padella anti aderente, versate un mestolino di pastella, fate rapprendere, girate le crepes con una paletta e cuocetela sull’altro lato.

CANNELLA E GAMBERETTI: unite 1\2 cucchiaino di cannella e 30 gr di amaretti secchi frullati: farcite con crema pasticcera, pesche sciroppate, mele o pere cotte o confettura di albicocche.

CACAO: mescolate alla pastella 1 cucchiaino di cacao in polvere. Le farciture ideali sono: confettura di pere, marmellate di agrumi, gelato alla crema o banane a pezzetti.

ZAFFERANO:  profumate la pastella con 2 bustine di zafferano e 2 cucchiai di erbe miste a piacere. Farcite le crepes con gamberetti saltati in padella, fettine di pesci affumicati o verdure stufate, porri, cipollotti, broccoli ecc…

POMODORO: colorate la pastella con un cucchiaio di triplo concentrato di pomodoro e un ciuffo di basilico tritato. Cuocete e farcite con ricotta montata  con scorza di limone grattugiata, prosciutto cotto e formaggi spalmabili, spinaci al burro, legumi in umido o mozzarella e origano.

Risultati immagini per immagini crepes

Annunci

INSALATA DI POLLO CON LE PRUGNE

  • 300 gr di petto di pollo
  • 200 gr di yogurt bianco al naturale
  • 150 gr di prugne secche denocciolate
  • 2 peperoni gialli
  • 2 carote
  • erba cipollina fresca q.b.
  • olio d’oliva extra vergine q.b.
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

Taglia il pollo a strisce e condiscilo con sale e pepe. Monda il peperone e taglialo a fettine sottili. Dividi a metà le prugne secche. Pulisci le carote e riducile a striscioline. Scalda l’olio in una padella e rosola il pollo per 5 minuti a fuoco vivo. Versalo in una ciotola, aggiungi le verdure e le prugne, fai intiepidire, quindi mescola con lo yogurt e servi.

Risultati immagini per immagini prugne

PANETTONE

Per legge la denominazione panettone è riservata solo a un dolce da forno a pasta  morbida, ottenuto con fermentazione naturale. Gli ingredienti obbligatori sono: farina di frumento; zucchero; uova; burro; uvetta e scorze di agrumi canditi; lievito naturale costituito da pasta acida; sale. Sono ammessi: latte e derivati; miele, malto; burro di cacao; zuccheri; lievito; aromi naturali; emulsionanti; conservanti acido sorbico e sorbato di potassio. Anche se la ricetta è la stessa, ci sono differenze tra i prodotti, soprattutto tra il panettone industriale e quello artigianale, che può costare anche 10 volte di più. I motivi? In primo luogo l e materie prime: i canditi e l’uvetta, che devono essere morbidi, profumati e ben distribuiti; il burro più o meno pregiato; la quantità di uova, se ci sono più tuorli il colore è più giallo, gli aromi. Ci sono poi i conservanti, consentiti, che l’industria utilizza per garantire una durata di alcuni mesi mentre l’artigiano no. Ma il prezzo dipende molto anche dai quantitativi prodotti e dai ricarichi, molto più alti nei piccoli punti vendita che al super, dove spesso propongono offerte speciali. Questo significa che anche i panettoni della grande distribuzione possono essere di buona qualità, le materie prime sonno più controllate, l’importante è che siano profumati, con crosta non troppo scura, soffici e non gommosi.

Risultati immagini per immagine panettone

TIRAMISU’ AL GIANDUIA IN UN GUSCIO DI FROLLA

PER LA FROLLA:

  • 250 gr di farina
  • 125 gr di zucchero
  • 100 gr di burro
  • 1 pizzico di lievito in polvere
  • 1 uovo
  • 1 tuorlo

PER IL TIRAMISU’:

  • 3 uova
  • 500 gr di mascarpone
  • 8 cucchiai di zucchero
  • 90 ml di caffè
  • 20 savoiardi
  • 3 cucchiai di crema la gianduia
  • cacao amaro

Impasta gli ingredienti per la frolla, forma un panetto, avvolgilo in pellicola e tienilo in frigo per 1\2 ora. Stendi la frolla in uno stampo, rivestito di carta forno, copri con altra carta, 2 manciate di fagioli secchi e inforna a 180° per 20 minuti, eliminando i fagioli e la carta negli ultimi 5 minuti. Fai la crema tiramisù e la bagna al caffè. Farcisci la frolla con metà crema tiramisù, uno strato di savoiardi bagnati nel caffè, uno di gianduia e la crema tiramisù rimasta. Cospargi con cacao e servi. Per una maggiore fragranza, farcisci il guscio di frolla solo appena prima di servirlo.

Risultati immagini per immagine tiramisù

CHI LI PROVA LI APPROVA

Eccoci di nuovo per parlare di due grandi marchi aiuto insostituibile nelle faccende di casa: Lenor unstoppables e Swiffer.

Il primo fidato profumatore per bucato che con le sue piccole perle dona un fresco profumo al bucato; il secondo utilissimo per esempio per chi, come me, ha un cucciolo in casa e ogni giorno combatte con polveri e peli.

Oggi, però, c’è una grandissima novità: questi due grandi marchi si sono uniti per giocare insieme a noi e regalarci sempre qualcosa.

È facilissimo! Si gioca così:

  1. Compriamo due prodotti a scelta tra queste linee: Unstoppables, Oral-B, Gillette Venus, Pantene prodotti intensivi (maschere, oli e ampolle) e Swiffer.
  2. Entriamo sul sito www.pgvincisempre.it, ci registriamo e selezioniamo i prodotti che abbiamo acquistato.
  3. Giochiamo! La slot machine estrarrà un prodotto a sorte, diverso da quelli che abbiamo già comprato. Si vince sempre. 😉
  4. Riceveremo un coupon dell’intero importo del prodotto che abbiamo vinto.
  5. Andremo al supermercato dove abbiamo già comprato i primi due e, usando il coupon ricevuto, ci porteremo a casa gratis il terzo!

Che aspettate cercate la vostra ambasciatrice di fiducia e giocate le vostre cartoline…

 

 

PORCINI

I gustosi protagonisti del bosco settembrino appartengono alla specie  dei boleti e sono suddivisi in 4 varietà molto simili tra loro per aspetto e profumo: edulis, aerus, aestivalis e pinophilus. Sono tipici nelle regioni del nord e crescono sia in pianura, sotto querce e castagni, sia in montagna, sotto faggi e abeti. Sul nostro mercato arrivano anche quelli dell’Europa dell’Est, grandi e di solito un po meno profumati. In generale, all’acquisto devono risultare ben sodi e senza i tipici forellini scavati dai vermetti.

Risultati immagini per immagine porcini

ZUCCA

Maturano a fine estate, ma si possono gustare per tutto l’inverno perchè le zucche si conservano anche fino ad un anno. Le varietà coltivate sono molto numerose e appartengono a 2 specie principali: cucurbita maxima, che comprende grandi zucche rotondeggianti con scorza variamente colorata, spesso costoluta o bugnosa. Le zucche della specie cucurbita moschata, invece, hanno forma allungata. In commercio poi ci sono nuove varietà ibride come la Delica, più precoce. Le tradizionali sono tutte nostrane e provengono da Emilia Romagna, Veneto e Pianura Padana in genere.

Risultati immagini per immagine zucca

CORONA AI FRUTTI DI MARE

PER LA PASTA BRIOCHE:

  • 250 gr di farina 00
  • 50 gr di amido di mais
  • 3 uova
  • 30 gr di zucchero
  • 10 gr di lievito di birra fresco
  • 125 gr di burro
  • 3 gr di sale

PER IL RIPIENO:

  • 16 code di gamberi pulite
  • 24 cozze cotte e sgusciate
  • 50 gr di farina 00
  • 50 gr di burro
  • 400 ml di latte
  • prezzemolo tritato
  • 1 uovo
  • 2 tuorli
  • 30 gr di grana grattugiato
  • semi di papavero
  • sale
  • pepe

Sciogli il lievito con 100 ml di acqua tiepida e lo zucchero. Setaccia farina e amido di mais, aggiungi il lievito, impasta, unisci le uova, il burro a pezzetti e il sale. Lavora per 7\8 minuti, metti l’impasto in una ciotola, copri e fai lievitare per almeno 1 ora. Tosta la farina e sciogli il burro, incorpora il latte e cuoci 8\10 minuti. Togli dal fuoco e incorpora i tuorli, il grana, i gamberi, le cozze, il prezzemolo, sale e pepe. Stendi la pasta e ricava 8\10 triangoli. Disponili in cerchio sulla placca foderata di carta forno, con le punte verso l’esterno e le basi. Distribuisci il ripieno lungo la base dei triangoli, poi piega le punte verso l’interno. Spennella con l’uovo sbattuto e spolverizza con semi di papavero. Fai riposare per 30 minuti, poi cuoci in forno a 200° per 30 minuti.

Risultati immagini per immagine frutti di mare

 

HALLOWEEN

I pipistrelli sono tra i simboli della festa perchè nell’Irlanda celtica, dove nasce Halloween, la notte del 31 ottobre si accendevano grandi falò che attraevano gli insetti e, quindi, i pipistrelli. Jack O’Lantern, la famosa zucca di Halloween, prende il nome dal fabbro Jack, la cui anima, secondo la leggenda, vaga facendosi luce con un lumino dentro una zucca Zucche intagliate, pipistrelli e ragnatele finti, lenzuoli da fantasma…E poi il rituale di bussare alle porte dei vicini per chiedere divertiti:” Dolcetto o scherzetto?” Negli ultimi tempi, anche in Italia il 31 ottobre è diventato il giorno di Halloween: si organizzano feste a tema, grandi e piccoli si mascherano e in cucina si preparano golosità tipiche del mondo anglosassone, dove è nata questa ricorrenza. Se la versione commerciale ha origini negli Stati Uniti agli inizi del secolo scorso, la festa risale infatti all’antica Irlanda celtica, dove il 31 ottobre si celebrava Samhain, festa di fine anno popolato da spiriti e morti, diventata poi All Hallows Eve, da cui Halloween, che significa notte di tutti gli spiriti sacri. Se per realizzare il teschio di Jack O’Lantern utilizzi una varietà di zucca commestibile, tieni da parte la polpa e i semi che prelevi. Puoi utilizzarle in cucine per molte preparazioni. Per il perfetto simbolo di Halloween, le varietà di zucca migliori sono 3: Jack O’Lantern, Connecticut Field e Moscata di Provenza. In commercio si trovano anche apposite zucche non commestibili da intagliare.  Preleva la calotta senza romperla ed elimina i semi e polpa con uno scavino. Con un pennarello disegna sulla scorza occhi, naso e bocca, poi tagliali con un coltello a punta seguendo le tracce. Metti un lumino sul fondo e chiudi con la calotta. Per dare un tocco in più, la si può tagliare in 2 e ricucirla con lo spago.

DAL MONDO:

COLCANNON ( IRLANDA ) : contorno preparato con patate, verze e cipolle cotte nel burro e nel latte, cela un anello, un ditale oppure una monetina portafortuna.

BARMBRACK ( IRLANDA ) : E’ un pane dolce con uva passa; durante la lavorazione si mettono nella pasta una monetina o un anello: chi troverà la monetina diventerà ricco e chi troverà l’anello, si sposerà entro un anno.

CANDY APPLE ( STATI UNITI E INGHILTERRA ) :Le mele, il cui raccolto si effettua proprio in questo periodo dell’anno, sono cotte in uno sciroppo a base di acqua, zucchero e sciroppo di mais, aromatizzato con cannella.

PUMPKIN PIE 8 STATI UNITI ) : E’ una torta con una base di pasta frolla, sopra la quale si adagia una crema di zucca aromatizzata con noce moscata, cannella, chiodi di garofano e zenzero. Va accompagnata con generose cucchiaiate di panna montata.

SEMI DI ZUCCA TOSTATI ( STATI UNITI E CANADA ) : Una volta liberati dalla polpa, i semi vengono tostati e, quindi, salati e speziati. Nel periodo di Halloween restano tutto il giorno a disposizione sul tavolo in cucina.

SOUL CAKE ( STATI UNITI, CANADA E INGHILTERRA ) : Piccoli dolci tondi, aromatizzati con noce moscata e cannella, tradizionalmente offerti ai mendicanti e ai bambini che andavano di porta in porta in cambio di preghiere per i defunti.

Risultati immagini per immagine halloween

 

 

 

 

OLIVE ALLA NONNA PAPERA

  • 300 gr di olive verdi, grosse e carnose, conservate in salamoia e snocciolate, ideali quelle per fare le olive all’ascolana
  • 200 gr di carne mista: pollo, vitello e prosciutto crudo
  • 2 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • noce moscata
  • un pizzico di limone grattugiato
  • una noce di burro
  • una foglia di salvia
  • 2 tuorli d’uovo

PER LA PANATURA:

  • 100 gr di farina
  • 1 uovo battuto, max 2
  • 200 gr di pane grattugiato
  • olio di arachidi per friggere

Lavare le olive per eliminare la salamoia e farle scolare bene. Tritare la carne nel mixer o nel tritacarne grossolanamente. Saltare la carne tagliata a piccoli pezzi in padella con il burro, salare e pepare. Tritare la carne nel mixer o nel tritacarne più finemente. Unire tutti gli ingredienti con i tuorli, il parmigiano e la noce moscata, aggiustare di sale. Formare delle polpettine poco più grandi di un’oliva. Passarle prima nella farina, poi nell’uovo battuto e infine nel pan grattato. Volendo eseguire più facilmente l’impanatura delle piccole polpettine, si può preparare una pastella con un uovo intero, 2 cucchiai di farina, sale e un bicchiere di latte. Friggere le olive impanate in olio profondo e sgocciolarle bene. Sono ottime sia calde che a temperatura ambiente.

Risultati immagini per immagine olive ascolane